Telecinesi!

Fra i miei rari racconti brevi pubblicati su Libero Blog, questo è quello che ha raccolto il maggior successo o quantomeno il maggior numero di commenti.
Da segnalare : i ghirigori originali 🙂

T e l e c i n e s i !

Post n°60 pubblicato il 26 Dicembre 2006 su  blog.libero.it/sdoppiamocupido
http://blog.libero.it/sdoppiamocupido/11210966.html 

Vi ricordate il film  ”Ricomincio da tre” del compianto Massimo Trosi? In particolare la scena dove l’attore, seduto di fronte ad un secchio, cerca di spostarlo con i soli poteri della mente e il secchio, più ostinato di un mulo immagine non si muove di un millimetro?
Io come Troisi mi ritrovo a volte a fare lo stesso tipo di esperimento e come potete immaginare senza successo alcuno, ma un giorno …. (vi chiedo anticipatamente scusa per l’ambientazione)

sapone liquido26 aprile 2006, ore 10 in un luogo imprecisato ….
Sono in  bagno,  seduto,  impegnato in improrogabili faccende, e di fronte a me sta un dosatore di sapone per l’igiene intima. Convinto che lo sforzo profuso nelle funzioni corporali di cui prima possa fungere da catalizzare, fisso con intensità il contenitore. Questo, come al solito, rimane saldamente al suo posto, immutato.
Un piccolo spasmo addominale mi distoglie per un attimo dai miei intenti telecinetici, quando rifocalizzo lo sguardo sul sapone liquido stento a credere ai miei occhi: il contenitore presenta uno squarcio laterale ed il sapone liquido si sta pigramente spandendo sul bidè!
Con il cuore in gola e quasi senza fiato,  completo le pratiche di rito in cui sono solito in quel luogo, e corro a prendere la macchina fotografica digitale, che non cerco nemmeno perché ricordo che le pile sono scariche. Prendo allora il cellulare e scatto delle foto: due Mega Pixel saranno sufficienti mi dico …. Sufficienti a cosa? Chi potrebbe mai credere che non si tratta di una montatura?
Decido comunque di  mettere in un sacchetto il contenitore rotto e raccolgo parte del liquido fuoriuscito in un barattolo di vetro, pulisco alla meglio il resto.
Devo replicare la cosa, penso: è l’unica speranza che ho di non essere preso per pazzo, se già non lo sono!
Vado al supermercato, a poche centinaia di metri da casa, e prendo una decina di confezioni dello stesso detergente intimo, sperando che non ne abbiano variato la composizione chimica.
Esco dal supermercato sentendomi ancora addosso gli occhi della commessa, chi sa poi perché.
Ritorno a casa e svuoto parzialmente tutti i contenitori cercando di ricordare quale livello di liquido aveva quello che si era rotto.
sgarabocchioProvo per ore nella stessa posizione in cui era successo,  provo di fronte al  computer mentre cerco su internet se sono mai accaduti eventi simili,  provo in cucina mangiando frettolosamente qualcosa: assolutamente niente.
E’ trascorsa l’intera giornata, ho gli occhi rossi e un forte mal di testa.
Non ne ho parlato con nessuno e avevo  spento il cellulare per non essere disturbato.

Mi sono quasi rassegnato ma c’è qualcosa che non ho ancora provato!
Sono le 11 di sera. Mi metto a cucinare pasta e lenticchie! Mi ricordo che una volta da piccolo mi avevano procurato una forte indigestione. Fortunatamente ne avevo un barattolo; Prendo mezzo chilo di pasta e lo cucino con le lenticchie.
Mangio tutto quello che riesco a mangiare, un po’ più della metà e vado a letto, sono stanco e ho sonno … è quasi l’una
Mi sveglio, all’improvviso, sento un forte dolore alla pancia, le lenticchie mi dico.
La forte luce attraverso le persiane mi fa capire che ho dormito abbastanza, guardo la radiosveglia: sono quasi le dieci
Entro in bagno, mi siedo sul WC: di fronte a me, sul bidè, c’è un contenitore per l’igiene intima parzialmente svuotato Lo fisso intensamente …

Finale numero 1)

Le tempie mi pulsano forte e mi ripropongo  per il prossimo anno di mangiare meno, almeno la sera del 25! E mai più esagererò con le lenticchie: che razza di incubo!

sgarabocchioFinale numero 2)

Le tempie mi pulsano sempre più forte,  a fianco a me sulla lavatrice c’è una busta di plastica con dentro un dosatore per il sapone liquico, squarciato su di un fianco.  Ricordo tutto di nuovo, gli spasmi si fanno più forti, sento la fronte bagnarsi di sudore.
Comincio ad odiare quel maledetto sapone liquido, chino la testa in seguito ad un altro spasmo addominale e un attimo dopo mi sembra di avvertire un botto come quello di una ruota che scoppia,  sento il cuore battere così forte da farmi male, ma rido felice, mentre gocce di sapone mi colano sul volto …..

Annunci
Tagged with: , ,
Pubblicato su racconto
One comment on “Telecinesi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: